Food, water and waste

Questo ambito si sviluppa in due dimensioni:

1) Cibo e benessere: l’Ateneo si impegna alla valorizzazione della sostenibilità delle filiere agro-alimentari (risparmio energetico, riuso delle eccedenze), alla valorizzazione dei prodotti locali e tradizionali e all’incentivazione di linee guida per i fornitori di ristorazione collettiva all'interno dell’ateneo in termini di appalti e acquisti (materiali utilizzati).

2) Perseguire la sostenibilità del Politecnico in termini “gestione dello smaltimento” – all’interno dei cinque poli metropolitani che lo costituiscono - significa ridurre/razionalizzare la produzione di rifiuti diminuendo così il relativo impatto ambientale, seguendo l’approccio del “riuso-riciclo-riduzione”. A tale scopo l’impegno del Politecnico è rivolto a rendere più efficienti sia gli smaltimenti sia gli acquisti, in ottica di una completa chiusura del ciclo di vita del prodotto in maniera sostenibile.

Questa dimensione relativa all’Ateneo sostenibile rappresenta quindi la realtà del campus in termini di impatto ambientale per quanto concerne lo smaltimento dei rifiuti; un’entità di dimensioni non trascurabili come il Politecnico eserciterà sicuramente un’importante influenza sulla città da questo punto di vista e sugli utenti stessi (in primis gli studenti) che spesso non sono educati e sensibilizzati a dovere in termini di smaltimento e raccolta differenziata. Sulla base delle condizioni attuali, il Politecnico ritiene di assoluta priorità affrontare la situazione smaltimento sicuramente tentando da un lato una riduzione dove possibile delle quantità di materiale, dall’altro lato invece vuole percorrere la strada della sensibilizzazione con campagne informative, con al creazione di isole ecologiche per la raccolta differenziata e altre azioni con lo scopo di educare le generazioni che vivono l’ateneo per garantire la formazione adeguata agli adulti di domani in ottica di sviluppo sostenibile. A seguito di queste premesse, le azioni incluse in questa dimensione della sostenibilità del Campus devono anche perseguire risultati in termini di efficienza, efficacia e qualità.

Per perseguire questi obiettivi si metteranno in campo diverse iniziative: 

  • Azioni di formazione e sensibilizzazione: percorsi di formazione per il personale sulla gestione dei rifiuti;
  • Miglioramento della raccolta differenziata: creazione di 8 isole ecologiche dotate di 4 tipologie di contenitori suddivisi per tipo di rifiuto;
  • Miglioramento del sistema di raccolta di rifiuti speciali: Punti di raccolta interni (toner esauriti, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), cioè stampanti, pc usati e altro legato al mondo elettronico, ma anche legname, fogliame, ferro ecc..)
  • Diffusione capillare dei Servizi paperless - didattica online: registri delle lezioni, application, registri esami, moduli tesi ecc.
  • Introduzione del servizio di raccolta porta a porta e realizzazione di una campagna di sensibilizzazione diretta anche alla “popolazione del campus”; si potranno raggiungere livelli di raccolta differenziata migliori.
  • Monitoraggio e gestione dei consumi di acqua potabile e progressiva riqualificazione delle linee di adduzione e raccolta acque reflue bianche e nere;
  • Valorizzazione della fontana pubblica presente all'interno del campus;
  • Monitoraggio della qualità del cibo fornito da mensa, distributori e bar interni, al fine di identificare il miglior rapporto tra sostenibilità e costi;
  • Monitoraggio delle quantità di cibo consumato e riduzione dello spreco alimentare.
© Politecnico di Torino - Credits